martedì 4 aprile 2017

Engal


Ringraziamo il nostro amico Alberto da Torino che ci mostra il suo ultimo ritrovamento davvero carico di fascino...





"È noto che Torino diede i natali a splendide aziende di biciclette forse al pari di Alessandria, a Torino passeggiando tra il centro e la prima cintura periferica si potevano incontrare aziende quali la Frejus, la Benotto, la Monterosa, la Taurea, la ditta dei fratelli Mario e Giulio Gosio che in via Canova producevano le robuste e lussuose "Luxor" e le sportive "Sterlina", molto ambite le bici che uscivano dall'officina di Lino Beltramo, protagonista di una recente mostra, ad esempio davanti al mio studio, in corso Regina Margherita, aveva sede la Zaninetti, insomma grandi e medie aziende contornate da una miriade di piccole e piccolissime officine artigianali o semplici assemblatori, mi sembra doveroso citare la raffinata Aquilea, i fratelli Porta, Molinari e tanti altri finiti inesorabilmente nel dimenticatoio.
Tra questi spiccava Engal con le sue originali creazioni: bici sportive da 28" e da 26", spesso munite di solo freno contropedale (come quella che ora presento), attivo negli anni '40 e '50, produsse bici eccezionali, leggere dai colori sgargianti e fantasiosi. Montava gli immancabili manubri Ambrosio sia in alluminio che in acciaio cromato, para veste rigidi in alluminio anche per i modelli maschili e poi carter e parafanghi in ottone cromato, bici ovviamente fatte su misura che assecondavano i gusti dei suoi clienti. Le informazioni sono come sempre sparute, ma forse è meglio così, mi permette di fantasticare officine operose, magazzini empi di favolose bici allineate ordinatamente e, fuori una Torino che non c'è più, probabilmente più creativa e originale di com'è adesso."

                                                                                                                                  Alberto Castelli



mercoledì 22 marzo 2017

Rola 1933



Ringraziamo il nostro amico SPINO da Moretta (CN) che ci presenta la splendida bici appena finita di restaurare per la sua Signora....



Una bellissima Rola con ruote da 28' e carter a tre pezzi senza disco....



Grazie all'aiuto del nostro comune amico Alberto, grande esperto del marchio, si e' riusciti a datarla nel 1933 come uno dei primi modelli costruiti e questo trova riscontro nel basso numero di telaio... pare infatti che Rola inizio' la sua produzione in serie nel lontano 1931 e quindi solo un paio di anni prima di questa..



Completissima, marchiata su mozzi e pedivelle, mostra un notevole grado di conservazione esaltato dal perfetto lavoro di restauro di SPINO....




Una particolare attenzione meritano i forcellini sportivi, le pedivelle alleggerite e la retina a molle...


Complimenti davvero SPINO per questo bel ritrovamento!!!!!

sabato 11 marzo 2017

Amerio Balloncina Extralusso 1939


Ringraziamo il nostro amico Pietro da Bologna che ci mostra la sua bellissima Amerio Extralusso del 1939....






Questo stupendo modello di lusso era caratterizzato dall' avere la freneria interna (posteriore semiesterno) e il parafango anteriore aerodinamico a quattro astine....





Stupendamente conservata, grazie al preciso lavoro di restauro conservativo applicato da Pietro, la bici ci mostra tutto il suo splendore originale con il suo consueto bel canotto di sterzo rosso riportante ancora trecce di decals come sul bellissimo carter dove campeggia fiera e ben leggibile la scritta Balloncina....






Completissima e marchiata ovunque meritano un'attenzione particolare il bellissimo fregio smaltato del manubrio e i tanti accessori di lusso di cui e' costellata.... gruppo luce Radius C, lucchetto posteriore con lucciola, manopole a botte in osso, gemma in vetro bugnata e coprichiavelle...





Grazie Pietro per aver condiviso con noi questo bel pezzo di storia Piemontese

giovedì 9 marzo 2017

Beltramo Mod. Asso



Ringraziamo il nostro caro amico Paolo da Torino perchè oggi ha finalmente  deciso di calare l'Asso....


Ci mostra infatti la sua meravigliosa Beltramo modello "Asso" certificata ufficialmente all'Azzurro Beltramo tenutosi nel Settembre 2016 in Torino




Magnifico conservato mostra immediatamente al primo colpo d'occhio la ricercata cura del particolare e le costruzioni di altissima fattura a dimostrazione che questa era il modello top di gamma del reparto corse "Beltramo" assemblata solo su commissione...











Davvero nulla da aggiungere le immagini parlano da sole... complimenti Paolo per essere riuscito a stupirci ancora una volta...